Sette o 18 Rate Non Pagate e Perdi La Casa

Sette o 18 Rate Non Pagate e Perdi La  Casa

Sette o 18 Rate Non Pagate e Perdi La Casa

 

Un nuovo decreto legge potrebbe cambiare definitivamente i rapporti tra istituti bancari e mutuatari a partire dai prossimi mesi. Il cambiamento in questione riguarda la potenziale possibilità delle Banche di entrare in possesso dell’immobile per cui hanno erogato il mutuo dopo sette rate non pagate, anche non consecutive.

D’ora in avanti nei contratti di mutuo potrebbe comparire questa nuova clausola ma sarà facoltà del sottoscrittore del mutuo accettarla o meno: si presume che questa possibilità possa essere utilizzata anche successivamente alla sottoscrizione del contratto di mutuo.

Cerchiamo di fare un po di chiarezza perché, sopratutto in TV si sentono teorie contrapposte. In base alle informazioni odierne il quadro è questo:

  • il sottoscrittore del mutuo può ( non è obbligato) firmare la clausola secondo la quale dopo sette rate non pagate, anche non consecutive, cederà l’immobile alla Banca.
  • la clausola in esame potrà essere inserita anche successivamente alla firma del contratto originario. Anche ai mutui vecchi? Domanda a cui ancora non abbiamo risposta certa.
  • La Banca, una volta entrata in possesso della proprietà immobiliare, la metterà in vendita; soddisfatto il suo credito consegnerà le eccedenze al debitore.
  • Perché si possa verificare questo scenario dovrà essere abrogato l’articolo 2744 del codice civile che vieta il “patto commissorio” . Ecco l’articolo: “È nullo il patto col quale si conviene che, in mancanza del pagamento del credito nel termine fissato, la proprietà della cosa ipotecata o data in pegno passi al creditore. Il patto è nullo anche se posteriore alla costituzione dell’ipoteca o del pegno.”

Se tutto ciò accadesse le Banche avrebbero la strada spianata per vendere in proprio gli immobili saltando a piè pari la procedura esecutiva.

Un famoso politico italiano diceva che a pensar male si fa peccato ma spesso ci si azzecca… seguimi nel ragionamento:

  1. E’ vero che se mi serve un mutuo posso NON firmare la clausola di cui parliamo ma chi mi garantisce che non sia ” costretto ” a firmarla per ottenere il mutuo?
  2. E se le Banche facessero cartello e nessuna di esse erogasse mutui senza la firma della clausola?
  3. Se non paghiamo le sette rate e l’immobile viene venduto c’è un limite di prezzo al di sotto del quale non si può vendere?
  4. Chi ci assicura che non compri la nostra casa qualche società o persona compiacente?

Mentre scriviamo questo articolo sembra che siano arrivate delle novità che qualificherei come indiscrezioni.

Il governo intende modificare parte del decreto!

Sono trapelate queste informazioni:

  • non saranno più sette (7) le rate che faranno scattare la morosità ma diciotto (18)
  • cancellazione integrale del debito anche se la casa viene venduta ad un prezzo inferiore dell’esposizione debitoria
  • nessuna retroattività. Le nuove norme verranno applicate solo ai contratti di mutuo futuri.
  • la firma della clausola sarà facoltativa
  • la valutazione dell’immobile sarà eseguita da un perito indipendente nominato dal tribunale
  • il consumatore potrà farsi assistere da un esperto di fiducia

Crediamo che ancora ci siano tanti punti oscuri ed il materiale su cui riflettere non manca.

Oggi come ieri rimane sempre in piedi la regola di non firmare nulla di cui non si conoscano gli effetti futuri. Se prima consideravamo un optional far visionare un contratto ad un legale esperto ora credo sia diventato quasi un obbligo: prevenire è meglio che curare.

Come sempre ti ricordo che noi offriamo assistenza legale a chi ha problemi di pignoramento o a chi ha intenzione di verificar la regolarità dei propri contratti bancari (anatocismo e usura).

Ti lascio il link di contatto (clicca qui).

Se invece vuoi iscriverti alla nostra newsletter clicca qui.

A Menzus Biere

P.s.

Appena avremo notizie sull’argomento dell’articolo te lo faremo sapere.

 

Scarica le nostre guide gratuite. Cliccaci sopra.

usura bancaria e pignoramento
La guida completa per risolvere i problemi di usura bancaria e pignoramento
errori durante il pignoramento
Chi vive il problema del pignoramento generalmente commette degli errori. Li conosci?
un caso di pignoramento risolto
un esempio di soluzione con il saldo e stralcio

Remo Congiu

Ti è piaciuto questo articolo e lo trovi utile? Condividilo oppure iscriviti alla nostra pagina facebook.

More Posts - Website

Follow Me:
FacebookLinkedIn

Condividi questa pagina

Lascia un commento